Pari a San Siro: il Napoli non va oltre lo 0-0 in casa del Milan

0
453
Milik a Milano




A San Siro un pareggio buono per il Milan e che forse spegne i sogni del Napoli. 

Al Napoli serviva la vittoria per non perdere terreno in classifica con la Juventus. Il Milan cercava punti utili per continuare a coltivare il sogno Champions. Alla fine è solo 0-0, un risultato che aiuta il Milan a ipotecare un posto in Europa League.

Primo tempo con il Milan che parte deciso e nei primi quindici minuti si impadronisce del centrocampo. Le azioni più pericolose dei rossoneri sono arrivate dalla fasce, dove i centrocampisti smistavano subito la palla dopo averla rubata a metà campo. Bravo Reina in due occasioni prima su Bonaventura poi su Calhanoglu la cui respinta è messa in gol da Musacchio che però era in fuorigioco. In altre due circostanze Albiol di testa ha anticipato di un soffio gli attaccanti avversari. Napoli lento e prevedibile, che però cresce alla distanza e due volte con Mertens e un’altra con Insigne mettono paura a Donnarumma. In ombra Allan e Callejon.

Secondo tempo con Reina spettatore e, fatta eccezione per quattro calci d’angolo consecutivi, giocato tutto nella metà campo del Milan. Napoli padrone del campo ma è supremazia solo territoriale concretizzata con sole due occasioni gol. La prima grazie a uno spunto di Hamsik che dalla sinistra piazza un rasoterra che attraversa tutta l’area rossonera ma nessuno dei compagni ha seguito. La seconda la 92′ con Milik che solo in area piazza la palla ma Donnarumma compie un vero miracolo.

In conclusione. Napoli non brillante che non riesce più a dare velocità alla manovra. Callejon e Mertens che da qualche domenica non riescono più ad essere incisivi come a inizio stagione. Oggi forse Sarri ci ha messo anche del suo ostinandosi a sostituire sempre Hamsik, l’unico che mette ordine alla manovra, lascinado in campo Callejon che non garantisce più neanche gli equilibri in fase di non possesso. La sostituzione di Rog a quattro minuti dal termine con due calciatori in affanno, quali erano Allan e Callejon, è servita a poco alla squadra e allo stesso Rog.