Hamsik che ama la città, l’arbitro di Napoli-Udinese, Koulibaly squalificato, Nicchi e il VAR

0
459




Da Hamsik ai compensi dei procuratori, passando per la sterile polemica su Donnarumma. Il riepilogo dei fatti più importanti della giornata calcistica.
  • L’allenatore della Slovacchia Jan Kozak ha confessato che nel 2016 ha consigliato a Marek Hamsik di lasciare il Napoli, ma il capitano del Napoli ha preferito restare a Napoli: “Marek ama Napoli, lui mette il cuore in ciò che fa e ha deciso di restare. A questo punto credo che resterà in azzurro ancora ed è a Napoli che chiuderà la sua carriera”.
  • Tra le decisioni del Giudice Sportivo le squalifiche di Koulibaly e Halfreddson che salteranno Napoli-Udinese.
  • La FIGC ha pubblicato i compensi pagati dalle società di Serie A ai procuratori dei calciatori per i trasferimenti e i rinnovi dei contratti: la Juventus è quella che paga più di tutte.
  • Per Napoli-Udinese è stato designato l’arbitro Calvarese. 
  • Caos diritti TV della Serie A. Sky ha ottenuto la sospensione fino al 4 maggio del bando di assegnazione lanciato da Mediapro. La Lega di Serie A si augura “nell’ interesse generale del calcio e dei suoi appassionati, in considerazione dei valori economici e anche sociali in gioco, una definizione rapida di qualsivoglia controversia fra le parti”.
  • Il Presidente degli arbitri Marcello Nicchi a Radio Anch’io lo sport ha chiarito un aspetto sul VAR: “La Var è uno strumento riconosciuto, che funziona. Migliorabile, ma ormai da tutti accettato e voluto. Durante una partita Var e arbitro centrale si scambiano opinioni in modo silenzioso decine di volte. Però decide sempre l’arbitro in campo, questo rimane un caposaldo. Dal punto di vista generale si deve essere non soddisfatti, di più, anche al netto degli errori che pure ci sono stati. Ma già l’anno prossimo, di questo passo, credo saranno ridotti al lumicino”.
  • Donnarumma protagonista di una polemica sterile con i tifosi del Napoli. In un video postato non si sa da chi, lo ritrae in un normalissimo sfottò allo zio tifoso del Napoli. Ne è nata una polemica con insulti al portiere del Milan da pafte di alcuni pseudotifosi. Il Portiere si è poi scusato con i napoletani e ha chiarito che era solo uno sfottò in famiglia.