I focus. In conferenza stampa De Laurentiis ha lanciato due messaggi molto chiari, su uno c’è da riflettere

0
756




Per il Napoli prima conferenza stampa della stagione 2020-21 e prima anche dal nuovo ritiro a Castel di Sangro. Tra i protagonisti mister Gattuso [LEGGI QUI] e il presidente De Laurentiis [LEGGI QUI].

Proprio il presidente De Laurentiis, come sempre caricatissimo, ha lanciato due messaggi davvero importanti: uno positivo, l’altro che sa tanto di rassegnazione.

La solidità economica del club e il calciomercato in uscita.

“Se questo mercato dovesse rimanere rarefatto, allora ci adegueremo e terremo i nostri pezzi da novanta. Una cosa deve essere chiara, non faremo una campagna di saldi. Mi sembra di vedere tanti avvoltoi pronti a colpire in picchiata, ma noi abbiamo una corazza impenetrabile. Non otterranno quello che cercano ad i prezzi che farebbero comodo a loro”.

Un messaggio molto chiaro indirizzato ai club che pensano di acquistare a prezzi vantaggiosi Koulibaly (i due Manchester e il PSG), Allan (Everton) e Milik (Juventus e Roma): il Napoli è solido economicamente al punto da dettare lui le condizioni, altrimenti non se ne fa nulla.

La rassegnazione. 

“Cosa mi aspetto dal mondo arbitrale? La domanda va fatta a chi governa gli arbitri. Certi arbitri, anche se sbagliano, gli danno da arbitrare la finale di Champions League. Di cosa c’è da parlare…”.

La rassegnazione di De Laurentiis ha spiazzato chi sperava in un ruggito del patron azzurro, soprattutto in questa fase di particolare feeling con il presidente della FIGC Gravina. Pretendere il rispetto delle regole e arbitri più attenti e meglio disposti all’utilizzo del VAR deve essere una mission fondamentale per chi studia come restituire credibilità e appetibilità alla Serie A per ottimizzare la vendita dei diritti TV.