Il campionato e la necessità di fare 21 punti, la partenza col botto in Champions: forse è ora di concentrarsi sul calcio giocato

0
93




La polemica per gli spogliatoi del San Paolo e la convenzione da firmare tra il Comune e la SSC Napoli, hanno fatto passare in secondo piano che tra meno di 48 ore (minuto più minuto meno) sapremo già il risultato finale di Napoli-Sampdoria. 

Una partita forse più importante di quella con la Juventus. Se non fare punti a Torino, sulla carta, ci può anche stare perderli in casa con la Sampdoria sarebbe davvero un problema serio.

Anzi il cammino che attende il Napoli nelle prossime sette gare di campionato (Sampdoria in casa, Lecce in trasferta, Brescia e Cagliari in casa, Torino in trasferta, Verona ancora al San Paolo e infine Spal a Ferrara) impone agli azzurri di fare filotto e conquistare tutti i 21 punti.

Ovviamente questo se davvero come ha detto Ancelotti si vuole alzare l’asticella e si vuole PROVARE a vincere o, almeno, a lottare fino alla fine.

Per non parlare poi dell’esordio di martedì in Champions contro i campioni d’Europa del Liverpool. Al di là del risultato è una gara da onorare e dove il Napoli è chiamato a confermare la crescita internazionale. Soprattutto una sconfitta casalinga costringerebbe il Napoli a dover inseguire una tra Salisburgo e Genk.

Ma andiamo con ordine e partiamo dalla delicata sfida contro la Sampdoria, desiderosa di riscatto dopo le sconfitte nelle prime due gare di campionato 0-3 in casa con la Lazio e 1-4 in trasferta con il Sassuolo.

Senza dimenticare che Allan e Lozano sono rientrati solo da poche ore dalle trasferte intercontinentali con le rispettive nazionali e che non sono ancora valutabili le reali condizioni di Insigne e Llorente.

Il gap di punti con la Juventus il Napoli la scorsa stagione lo ha accumulato con le prime dieci squadre in classifica, proprio come la Sampdoria.

È il momento di mettere da parte ogni polemica, giusta o sbagliata che sia. Ora serve la massima concentrazione per battere la Sampdoria.

Vietato per il Napoli perdere altri punti in classifica. Quest’anno c’è anche l’Inter da battere.