Il punto. In Champions il Napoli salva l’onore dell’Italia, Juventus stile anni ’60, crolla il Real Madrid, tutti pazzi per Haland

0
186




Con le gare del mercoledì si è chiusa la prima giornata della Champions League 2019-2020. Non sono mancati i risultati a sorpresa. 

Le italiane. In attesa del gioco di Sarri la Juventus tutta catenaccio e contropiede si affida alle giocate dei singoli per strappare un importante pareggio in casa dell’Atletico Madrid anche se si è fatta rimontare dal 2-0 al 2-2. Delude l’Inter che in casa con il modesto Slavia Praga solo nei minuti di recupero riesce a raggiungere il pareggio e chiudere la partita sull’1-1. Debacle Atalanta che in casa della Dinamo Zagabria ha rimediato un mortificante 0-4. Per fortuna ci ha pensato il Napoli a salvare l’onore dell’Italia battendo in casa per 2-0 i campioni d’Europa del Liverpool.

Le altre. Bene il Bayern Monaco (3-0 casalingo sulla Stella Rossa) e il Manchester City (3-0 in casa dello Shakhtar). Male le inglesi che oltre la sconfitta del Liverpool a Napoli hanno visto il Tottenham pareggiare 2-2 in casa dell’Olympiakos e il Chelsea perdere in casa con il Valencia (0-1). Buona la prima anche per il Lipsia (2-1 sul campo del Benfica) e per l’Ajax (3-0 casalingo sui francesi del Lilla). Crolla il Real Madrid che a Parigi perde 0-3 in casa del PSG che senza Cavani-Neymar-Mbappè ma con Icardi titolare va in gol con una doppietta dell’ex Di Maria e con Meunier. Il Salisburgo gioca a tennis con il Genk (6-2) e chiude così il Girone E che comprende anche Napoli e Liverpool.

La stella di turno. Nella prima giornata ha brillato il 19enne norvegese Erling Braut Håland che nel 6-2 del Salisburgo sul Genk ha segnato una tripletta al suo esordio in Champions League. Il giovanotto promette davvero bene anche se finora ha segnato tanti gol a difese non proprio granitiche e bisognerebbe vederlo contro avversari più forti.