Il punto sulla Serie A. Lazio stop e la Juventus gongola, Napoli ancora fanalino di coda, i ‘trop-gol’ di giornata

0
439




Dopo il lungo stop per il coronavirus e i quattro recuperi della 25esima giornata, la Serie A ha completato la prima giornata post lockdown con le partite della giornata numero 28 del campionato 2019-20. 

La classifica. La Juventus allunga su Lazio e Inter e inizia a cucirsi sulle maglie il nono scudetto consecutivo. In zona Europa, con il Napoli già qualificato ai gironi grazie al trionfo in Coppa Italia, vince la Roma che ancora spera di poter agguantare l’Atalanta al quarto posto. È lotta a tre tra Milan, Parma e Verona il posto utile per i preliminari di Europa League. In zona retrocessione Brescia e Spal ormai hanno un piede in Serie B mentre per evitare il terzo e ultimo posto è lotta aperta tra Lecce, Genoa, Sampdoria e Udinese con Torino e Fiorentina vigili per non farsi risucchiare .

Il Napoli ancora fanalino di coda. Malgrado l’ottimo rendimento da quando c’è Gattuso, il Napoli paga ancora lo sciagurato inizio di stagione sotto la gestione Ancelotti ed è la squadra che ha il saldo peggiore di punti rispetto alla stagione scorsa (-15). Male anche la Juventus di Sarri (-9 punti). Meglio di tutti ha fatto la Lazio (+17) che con Bologna (+13) e Atalanta (+10) sono le uniche squadra ad avere un saldo positivo in doppia cifra.

Gol segnati: si avvicina quota 800. In totale in Serie A sono stati segnati 791 gol dei quali 415 dalle squadre di casa e 376 da quelle in trasferta. L’Atalanta è il miglior attacco del campionato con 77 gol segnati, mentre la Spal con appena 20 gol all’attivo è il peggior attacco. Alla Juventus la palma di miglior difesa con appena 24 gol subìti, mentre è il Lecce la peggior difesa con 60 gol al passivo. Immobile, all’asciutto nell’ultima giornata, è ancora il leader della classifica marcatori con 27 gol davanti a Ronaldo con 22. Il migliore del Napoli è Milik con appena 10 gol.

Lazio sempre regina dei rigori. In totale in Serie A sono stati assegnati 128 rigori (104 seganti e 24 sbagliati). Più di tutti a favore li ha avuti la Lazio (14), mentre l’Udinese è ancora ferma a zero (il Napoli ne ha avuti 3 tutti segnati). Per quanto riguarda i rigori contro a quota 8 ci sono Genoa, Lecce, Juventus, Torino, Sassuolo e Udinese (il Napoli ne ha avuti 5 contro dei quali uno parato da Meret alla Roma).

I ‘trop-gol’ di giornata. Forse il gol più bello è quello annullato a Veretout in Roma-Sampdoria. Tra quelli convalidati sul podio mettiamo quello di Malinovsky in Atalanta-Lazio, il primo segnato da Dzeko in Roma-Sampdoria, quello di Milinkovic-Savic in Atalanta-Lazio e quello di Caputo in Inter-Sassuolo per il tocco morbido del calciatore sull’uscita di Handanovic e per lo sviluppo dell’azione.