Sostituto di Koulibaly cercasi: il destino segnato dalla data di nascita, Senesi perché sì, Senesi perché no

0
727




Tra gli 135 nomi accostati al Napoli [LEGGI QUI]  c’è anche quello del difensore centrale argentino Marcos Senesi.  

Il calciomercato è fatto di trattative reali e di un continuo alternarsi di voci e di nomi, fatti circolare ad arte dai procuratori per far aumentare gli ingaggi dei propri assistiti o dai presidenti per far alzare il valore dei cartellini dei propri calciatori. Il calciomercato è fatto anche di azioni di disturbo per i possibili acquisti di una diretta concorrente. Nel calciomercato quello che è vero oggi non lo è domani.

Per questo motivo la redazione di “Football Napoli News”, nel rispetto dei propri lettori, ha scelto una linea editoriale diversa provando a capire le possibilità e l’utilità di un calciatore alla portata del Napoli tralasciando nomi decisamente improbabili.

Marcos Senesi è nato a Concordia in Argentina il 10 maggio del 1997. Senesi è cresciuto nelle giovanili del San Lorenzo dove ha poi debuttato nel calcio professionistico a soli 19 anni il 25 settembre 2016 in CA Patronato-San Lorenzo 1-1. Con il San Lorenzo tra campionato e coppe ha giocato 69 partite segnando 1 gol e fornendo 2 assist. Nella stagione 2019-20 per 7 milioni di euro passa agli olandesi del Feyenoord, dove in totale gioca 23 partite (5 in Europa League) segnando 3 gol e fornendo 1 assist.

Alto 185 cm per circa 80 kg di peso, Senesi è un difensore centrale di piede sinistro che può adattarsi anche a esterno sinistro difensivo. Bravo nell’impostazione del gioco Senesi non è proprio impeccabile in fase difensiva. Il suo contratto scade nel giugno del 2023 e oggi la sua quotazione di mercato si aggira tra i 12 e i 15 milioni di euro.

Senesi perché sì.

  • costi dell’operazione alla portata del Napoli;
  • ha collezionato 5 presenze in Europa League;
  • la sua tecnica individuale lo rende prezioso nell’impostazione della manovra dal basso come chiede Gattuso;
  • ha anche passaporto italiano il che lo rende comunitario;
  • gli ampi margini di crescita legati alla giovane età;
  • con i consigli di Gattuso potrebbe migliorare alcune sue importanti lacune;
  • è un calciatore fisicamente integro.

Senesi perché no.

  • non è proprio un difensore veloce e rapido;
  • a volte trasmette una sensazione di disinteresse all’azione;
  • perde spesso la posizione in fase di non possesso;
  • non segue la linea della difesa nei tentativi di lasciare gli avversari in fuorigioco;
  • non è esplosivo negli anticipi;
  • non è impeccabile nel gioco aereo;
  • contrasta poco e intercetta pochi passaggi;
  • se a 23 anni ha collezionato 3 presenze nella nazionale argentina Under20 e 1 in quella Under23, considerando il livello non proprio elevato dei centrali difensivi argentini, qualche domanda sulle sue qualità è lecito porsela.