Il VAR ‘sbarca’ anche in Europa League, Rosetti: “Ma solo in casi di chiari ed evidenti errori”

0
594




L’ex arbitro italiano Roberto Rosetti, oggi presidente del Comitato arbitrale UEFA, durante un corso a Mallorca ha parlato del VAR che a partire da giovedì farà il suo esordio in Europa League.

“Riteniamo che il VAR sia un progetto fondamentale per il calcio.

Sono molto contento che d’ora in poi sarà impiegato anche in Europa League: aiuterà molto gli arbitri a prendere decisioni corrette in partite così importanti.

Siamo soddisfatti dei dati raccolti nella fase a gironi e agli spareggi di UEFA Champions League. In 108 partite, solo 27 decisioni sono state corrette dal VAR. Questo significa che una decisione è stata ribaltata solo in una partita su quattro, a dimostrazione della qualità degli arbitri.

Vorrei sottolineare ancora una volta che, secondo protocollo, il VAR interviene solo in caso di errori chiari ed evidenti e non in situazioni controverse.

Al calcio servono soprattutto bravi arbitri: direttori di gara con una personalità forte e capaci di prendere decisioni corrette e coraggiose”.

Ma la domanda è sempre la stessa: se un arbitro non valuta da rigore un fallo come successo con Giua in Napoli-Lecce non si è in presenza di un chiaro ed evidente errore?