Koulibaly: “Si diventa grandi quando si vincono i trofei, spero di raggiungere questo obiettivo con il Napoli”

0
666




In un’intervista che è possibile leggere in versione integrale sul “Corriere della Sera” oggi in edicola, il difensore del Napoli Kalidou Koulibaly ha parlato del Napoli e del calciomercato:

“Un errore definirmi il centrale più forte del mondo. Si diventa grandi quando si vincono i trofei e spero di raggiungere questo obiettivo con il Napoli. Proveremo l’impresa per riuscirci quest’anno, altrimenti sarà per l’anno prossimo.

Sono un giocatore del Napoli e darò il cento per cento qui. Il mercato è fatto da tante chiacchiere; io preferisco i fatti, che ci aiutano a vincere e diventare grandi insieme.

Era da un anno che non segnavo, ma vorrei poter dire che la doppietta più importante servirà contro l’Arsenal. Per riuscire a passare il turno ci servono cattiveria, convinzione e testa e noi ci crediamo fortemente; servirà anche l’aiuto del pubblico.

Ancelotti è un uomo sereno, che ci sta trasmettendo una mentalità giusta. Lui è abituato a questo tipo di partite, però siamo noi a scendere in campo e se sbagliamo atteggiamento è solo colpa nostra.

La partita di Milano, con i fatti che sono successi, mi ha aiutato a crescere come uomo; dentro di me voglio sempre combattere il razzismo, ma ho capito che farlo in campo è controproducente.

Napoli è una città molto aperta, mi sento in famiglia. I miei migliori amici sono i ragazzi che sono fermi ai semafori, dove molto spesso mi metto a parlare con loro. Ho casa a Posillipo ma mi piace visitare le zone popolari, l’aria che si respira ai Quartieri Spagnoli è unica ed inimitabile.

Per quanto riguarda il campionato scorso, fu una settimana difficile dove successe di tutto. Ma lo scudetto non l’abbiamo perso in albergo.

Su Higuain dico che era e resta un fuoriclasse ma ha fatto alcune scelte sbagliate. Qui era considerato un dio.”