La Juve rinnega se stessa, ma a perdere è l’Italia: prima Buffon il credo sportivo del club, poi Agnelli l’albo d’oro

0
1893




In appena un’ora due pugnalate al cuore della filosofia della Juventus che dura da oltre 100 anni.

A dargliele sono proprio i più importanti esponenti del club: Gigi Buffon e Andrea Agnelli.

Buffon durante la conferenza stampa per annunciare il suo addio al calcio giocato, si è lasciato scappare che “L’essenza dello sportivo e della vita stessa sta nel battersi per una sfida, non importa che la si vinca o si perda”. Ma la filosofia della Juventus non prevede la vittoria a tutti i costi e che giocare bene non serve a nulla?

Andrea Agnelli sempre durante la conferenza stampa del portiere bianconero ha invece detto: “Buffon ha vinto 11 campionati di Serie A”. Ma la filosofia della Juventus non è quella che considera l’unica cosa importante l’albo d’oro? Bene allora Agnelli e la Juventus si rassegnino, perchè gli scudetti della Juve non sono 36 ma 34 e Buffon, arrivato alla Juventus nel 2001, compreso quello di quest’anno ha vinto nove scudetti. Almeno così dice l’albo d’oro tanto caro al mondo Juve.

Ma le due pugnalate non hanno colpito solo la Juventus ma anche il calcio italiano, il sottomesso mondo dell’informazione e la Giustizia Sportiva.

Ancora una volta ad essere davvero mortificati e a uscire sconfitti sono proprio loro.