La scheda. L’olandese Gözübüyük per Braga-Napoli di Champions

0
432




L’UEFA ha designato l’arbitro olandese Gözübüyük per la gara della prima giornata dei gironi eliminatori di Champions League Braga-Napoli.

La designazione completa.

Questa la designazione completa decisa dall’UEFA per la gara in programma all’Estadio Municipal de Braga (Portogallo) mercoledì 20 settembre alle ore 21:00

Lo stdio del Braga
  • ARBITRO: Serdar Gözübüyük (Olanda);
  • assistenti di linea: Zeinstra e Balder (Olanda)
  • IV uomo: Nagtegaal (Olanda);
  • addetto al VAR: Higler (Olanda)
  • assistente al VAR: Dieperink (Olanda)
  • delegato UEFA: Paolo Lione (Gibilterra)
  • osservatore arbitri: Rune Pedersen (Norvegia).

La scheda di Gözübüyük.

Serdar Gözübüyük, arbitro olandese di origine turca, è nato ad Haarlem il 29 ottobre 1985. L’arbitro olandese ha debuttato in Eredivisie, il massimo campionato olandese di calcio, nella stagione 2010-2011 e dal 2012 è stato nominato internazionale.

La carriera.

Quella di Serdar Gözübüyük è stata una carriera in rapida ascesa, visto che già a 27 anni è diventato internazionale.

In totale in Eredivisie ha finora arbitrato 271 gare ed è tra i preferiti per dirigere i big match del campionato olandese.

Nelle coppe europee ha arbitrato 10 gare in Champions (più 7 nei preliminari), 26 in Europa League (più 10 nei preliminari) e 2 in Conference League (più 1 nei preliminari).

I precedenti.

Il Napoli ha un solo precedente con l’arbitro Gözübüyük, quello con i danesi del Midtjylland che ha visto gli azzurri vincere in trasferta 4-1 nei gironi dell’Europa League 2015-2016.

In totale sono 14 i precedenti delle italiane con Gözübüyük terminati con 9 vittorie, 2 pareggi e 3 sconfitte.

Anche il Braga vanta un solo precedente con l’arbitro Gözübüyük, quello della sconfitta per 0-3 in casa del Marsiglia nei gironi dell’Europa League 2017-2018.

In totale sono 6 i precedenti delle squadre portoghesi con l’arbitro Gözübüyük terminati con 3 vittorie, 1 pareggio e 2 sconfitte.

Le caratteristiche.

Arbitro che lascia giocare molto le squadre e tende a un dialogo aperto con i calciatori in campo anche se non tollera le proteste isteriche e le simulazioni.

Discreta la personalità e sa tenere in pugno la gara anche senza ricorrere troppo ai cartellini. Non a caso la sua è una media tra le più basse in Europa per quanto riguarda i cartellini: circa 3,5 a partita i gialli.