Le pagelle di Rijeka-Napoli 1-2: primo tempo da dimenticare, vittoria importante ma (quasi) immeritata

0
173




Nella terza giornata del Gruppo F dei gironi eliminatori di Europa League il Napoli ha affrontato in trasferta i croati del Rijeka. Le pagelle di Football Napoli News. 

GATTUSO: 4 – Approccio da dimenticare e squadra nel primo tempo lenta, svogliata e senza la personalità che serve per mettere in discesa una partita contro una squadra di certo non irresistibile. Scelte iniziali da rivedere con Lobotka-Demme a centrocampo e come al solito nessun cambio nell’intervallo non solo necessario per la pochezza di quanto visto in campo ma anche per dare una scossa. Non a caso dopo i cambi il Napoli è diventato un’altra squadra ma forse soprattutto grazie agli avversari che hanno mollato dal punto di vista fisico dopo aver colpito il palo della porta di Meret per un possibile 2-1 che avrebbero senz’altro meritato. Ancora una volta non trovate le contromisure contro una squadra chiusa a riccio.

MERET: 7 – Nella ripresa spettatore non pagante salvato dal palo ma nel primo tempo ha tenuto il Napoli in partita.

DI LORENZO: 4 – Il Napoli nel primo tempo subisce soprattutto dal suo lato e sbaglia davvero tanto sia in copertura che in fase propositiva.

MAKSIMOVIC: 6 –  L’unico lucido nel primo tempo e senza sbavature nel resto della partita.

KOULIBALY: 4,5 – Primo tempo da dimenticare, nella ripresa ritrova un po’ di autorevolezza ma non gli basta per evitare l’insufficienza.

MARIO RUI: 4 – Malissimo nel primo tempo, nella ripresa leggermente meglio ma una prestazione da dimenticare.

DEMME: 5,5 – Primo tempo imbarazzante in coppia con Lobotka, meglio nella ripresa con Fabiàn, ha il merito di aver segnato il gol che ha ridato fiducia alla squadra.

LOBOTKA: 4 – Gioca con troppa paura di sbagliare, non rischia mai la giocata, rallenta l’azione e mette in difficoltà anche i compagni.

POLITANO: 5 – Si è dato tanto da fare ma anche per demerito dei compagni non è riuscito ad essere efficace.
MERTENS: 4 – Male alle spalle di Petagna da sottopunta, meglio quando si sposta sulla fascia ma è troppo importante per il Napoli e non può essere protagonista di prestazioni come quella di oggi.

ELMAS: 4 – La volontà non è mancata ma ha viaggiato di pari passo con la confusione, gli manca il ritmo partita, sfiora il gol.

PETAGNA: 4 – Impalpabile nella partita che avrebbe dovuto dare qualche indicazione a Gattuso.

INSIGNE: (dal 59′ al posto di Elmas): 6 – Porta fantasia e qualità alla manovra.

FABIÁN (dal 59′ al posto di Lobotka): 5 – Con lui la manovra sembra più fluida ma in alcune circostanze ha dato l’impressione di essere troppo morbido nelle entrate e nel passaggio.

LOZANO (dal 69’ al posto di Politano): 4 – Tanta buona volontà e nulla più.

GHOULAM (dall’80′ al posto di Mario Rui): S.V. – Pochi minuti giusto per collezionare un’altra presenza in azzurro.

ZIELINSKI: (dall’80′ al posto di Petagna): S.V. – Pochi minuti giusto per sfiorare il gol.

ARBITRO GESTRANIUS (Finlandia): 6 – Una partita facile da gestire e lui la dirige senza protagonismi e con serenità, anche se qualche valutazione l’ha sbagliata ma davvero bazzecole.