Mondiali di calcio Russia 2018: le statistiche e i record da battere

0
2640




Oggi alle ore 17:00 in Russia prende il via la 21° edizione dei mondiali di calcio. Vediamo quali sono le statistiche più importanti e i record da battere delle venti precedenti edizioni.
  • Il numero di partecipanti per ogni edizione:
    – 13 in Uruguay nel 1930 e in Brasile nel 1950
    – 15 in Francia 1938
    – 16 in: Italia 1934, Svizzera 1954, Svezia 1958, Cile 1962, Inghilterra 1966, Messico 1970, Germania 1974 e Argentina 1974
    – 24 in: Spagna 1982, Messico 1986, Italia 1990, USA 1994
    – 32 in: Francia 1998, Giappone-Corea del Sud 2002, Germania 2006, Sudafrica 2010, Brasile 2014, Russia 2018 e Qatar 2022
    – 48 a partire dall’edizione 2026 in USA-Messico-Canada
  • Le sedi dei mondiali. La Russia è la 17° nazione ad ospitare un mondiale (l’ottava europea). Per l’undicesima volta i mondiali si giocano in Europa dopo che si sono giocati in Italia (2 volte), Germania (2 volte), Francia (2 volte), Svizzera, Svezia, Inghilterra e Spagna. Inoltre i mondiali si sono giocati 5 volte in Sudamerica (Brasile 2 volte, Uruguay, Argentina e Cile), 3 volte nel Nord-centro America (Messico 2 volte e USA), 1 volta in Africa (Sudafrica), 1 volta in Asia (Giappone e Corea del Sud insieme).
  • Le squadre ospitanti hanno vinto solo sei volte. Uruguay (1930), Italia (1934), Inghilterra (1966), Germania Ovest (1974), Argentina (1978), Francia (1998).
  • Sono otto le nazionali che hanno vinto un mondiale: Europa batte Sudamerica 11 a 9. Le vittorie delle europee: 4 Italia (1934, 1938, 1982 e 2006), 4 Germania (1954, 1974, 1990 e 2014), 1 Inghilterra (196), 1 Francia (1998), 1 Spagna (2010). Le vittorie sudamericane: 5 Brasile (1958, 1962, 1970, 1994 e 2002), 2 Uruguay (1930 e 1950), 2 Argentina (1978 e 1986). Le europee hanno vinto solo una volta il mondiale in Sudamerica (la Germania in Brasile nel 2014), così come le sudamericane hanno vinto solo una volta in territorio europeo (il Brasile in Svezia nel 1958).
  • Due le squadre che hanno vinto due volte consecutive il titolo. Sono l’Italia nel 1934 e nel 1938, il  Brasile nel 1958 e nel 1962.
  • Solo un allenatore ha vinto due volte il mondiale. E’ l’italiano Vittorio Pozzo che da CT ha vinto due volte il mondiale per giunta consecutivamente nel 1934 e nel 1938. Il tedesco Low potrebbe eguagliare questo record se dovesse guidare la Germania al successo in Russia.
  • Il triplo record di Pelè. E’ il calciatore più giovane ad aver vinto un mondiale (a 17 anni e 249 giorni nel 1958) ed è l’unico calciatore ad aver vinto un mondiale per ben tre volte (2 consecutive nel 1958 e nel 1962). Inoltre Pelè è anche il marcatore più giovane di un mondiale (17 anni e 239 nel 1958).
  • Sono quattro le nazionali a vincere fuori dal proprio continente. Oltre alle già citate Germania (in Brasile 2014) e  Brasile (in Svezia 1958, Messico 1970, USA 1994 e in Giappone-Corea nel 2002), ci sono riuscite anche l’Argentina (in Messico nel 1986) e la Spagna (in Sudafrica nel 2010).
  • 4 le squadre che hanno raggiunto la finale almeno una volta senza però vincere mai.
    Cecoslovacchia (1934), Ungheria (1938), Svezia (1958), Olanda (1974, 1978 e 2010).
  • E’ turco il gol più veloce in un mondiale. Lo ha segnato Hakan Sukur dopo 11 secondi nella finale del 3° e 4° posto in Turchia-Corea del Sud nell’edizione del 2002.
  • Il capocannoniere deve fare 13. Il record di gol in una sola edizione è del francese Juste Fontaine che nel 1958 ha segnato 13 gol.
  • Klose teme Thomas Muller. Il tedesco Miro Klose è il calciatore che ha segnato più gol di tutti nelle varie edizioni dei mondiali. Klose ne ha segnati 16 in quattro edizioni. Il suo ex compagno di squadra Muller attualmente è a 10 gol e in Russia mira a raggiungerlo.
  • Sono 80 le nazionali che hanno esordito in un mondiale ma solo una ha sempre partecipato. E’ il Brasile che è riuscita a qualificarsi in tutte le edizioni fin qui giocate.
  • Il recordman Rafa Marquez. Il difensore messicano è alla sua quinta convocazione in un mondiale. In Russia raggiunge così Buffon, il tedesco Matthaus e l’altro messicano degli anni ’50 Carbajal.
  • Il record da non battere. Il camerunense Song e il francese Zidane nelle varie edizioni dei mondiali hanno rimediato due cartellini rossi a testa.
  • Il calciatore più anziano e quello più giovane a giocare un mondiale. Il più anziano è colombiano Mondragon (43 anni e 3 giorni), mentre quello più giovane è l’irlandese del nord Whiteside (17 anni e 41 giorni). Dino Zoff invece è il calciatore più anziano ad aver vinto un mondiale (nel 1982 a 40 anni e 134 giorni). Il calciatore più anziano ad aver segnato un gol in un mondiale è il camerunense Roger Milla (nel 1994 a 42 anni e 39 giorni).
  • Russia 2018 la doppia curiosità di Italia-Svezia. Delle squadre vincitrici l’Italia è l’unica a non essersi qualificata per l’edizione di Russia 2018. Gli azzurri sono stati eliminati nel play-off dalla Svezia che invece è l’unica delle quattro finaliste perdenti ad essersi qualificata per Russia 2018.
  • Russia 2018: la prima volta nella storia. Le nazionali di Panama e Islanda sono alla loro prima partecipazione a una fase finale del mondiale. Prima volta a un mondiale anche per il VAR.

Foto fonte google-Corriere dello Sport