Napoli: con la Juventus l’occasione giusta per riaccendere la luce spenta a San Siro

0
477




Stadio San Siro di Milano. Mercoledì 16 dicembre: il Napoli perde con l’Inter 1-0 al termine di una partita che avrebbe meritato quantomeno di pareggiare.

Prima di quella gara il Napoli anche per le sue prestazioni convincenti, era una candidata allo scudetto:

  • 8 vittorie, 0 pareggi, 2 sconfitte;
  • 26 gol fatti, 8 subiti.

Terzo in classifica con una gara in meno e con un punto di penalizzazione, per una classifica che vedeva:

  1. Milan: 27
  2. Inter: 24
  3. Napoli: 23, con un punto di penalizzazione e una gara in meno.

Sembra passata un’eternità, ma da quel 16 dicembre non sono trascorsi neanche due mesi.

Nel frattempo il Napoli ha ‘riconquistato’ il punto di penalizzazione, ha perso la finale di Supercoppa Italiana ed è stato eliminato in semifinale di Coppa Italia. Soprattutto ha perso la brillantezza delle prestazioni.

Ma la cosa più deprimente è che il Napoli, dalla gara giocata con l’Inter, in dieci gare ha ottenuto 4 vittorie, 1 pareggio e 5 sconfitte. Ha segnato appena 8 gol e ne ha subìti 13 per questa classifica:.

  • Milan: 49;
  • Inter: 47;
  • Juventus: 42
  • Roma e Lazio: 40;
  • Napoli e Atalanta: 37.

Riassumendo da Inter-Napoli in poi, rispetto alle prime dieci gare di campionato, il Napoli ha ‘perso per strada’ 11 punti, 4 vittorie e 8 gol ma ha ‘trovato’ 3 sconfitte in più e incassato 5 gol in più.

Sembra che quella sconfitta con l’Inter abbia spento la luce che ha illuminato le prestazioni del Napoli. Che ha tenuto il gruppo squadra in armonia a sognare tutti insieme per un qualcosa che poteva realizzarsi.

Ma cosa ha spento questa metaforica luce con l’Inter? L’espulsione di Insigne? La sconfitta immeritata arrivata solo su un rigore evitabile? L’infortunio di Mertens, partito poi per il Belgio, che ha privato lo spogliatoio di un leader fondamentale per compattare il gruppo e reagire alle avversità?

Ora c’è la Juventus, l’avversario peggiore che potesse capitare nel momento peggiore del Napoli tra infortuni, covid, uomini contati in difesa e polemiche. Una vittoria o anche una prestazione fatta di orgoglio e dignità può riaccendere quella luce.

La zona Champions era l’obiettivo della stagione: è a soli 3 punti malgrado la gara in meno. L’Europa League è ancora un obiettivo da onorare.

La stagione può ancora regalare importanti gioie e soddisfazioni. Basta solo crederci.

Ma bisogna trovare l’interruttore per riaccendere quella luce spenta a San Siro.

Per farlo tocca soprattutto ai giocatori guardarsi negli occhi e decidere cosa fare da grandi, come uscire da questo momento negativo tutti insieme.

Lo devono a questa città e a questi tifosi.

Buon Forza Napoli a tutti!