Napoli, obiettivo 100 punti per un campionato che comunque vada sarà da ricordare

0
227




Dopo il pari con l’Inter a San Siro, il sogno continua ma il Napoli ci deve credere

In passato, anche negli anni d’oro di Re Diego mai vincente in casa dei nerazzurri milanesi, un pareggio a San Siro contro l’Inter è stato considerato un risultato positivo.

Nella storia di un campionato un pareggio in casa dell’Inter ci può stare, così come il pareggio al San Paolo sempre con l’Inter e una sconfitta interna con Roma e Juve.

Per vincere uno scudetto invece, non sono ammessi i pareggi a Chievo e in casa con una Fiorentina da metà classifica. Se non si è segnato neanche un gol a queste due squadre, non è servito a nulla aver mantenuto la porta inviolata (il famoso equilibrio tra le due fasi della filosofia calcistica di Benitez).

Dopo aver costretto Spalletti a ricorrere all’italico catenaccio e aver dominato l’Inter fino alla trequarti di campo avversaria, il vero rammarico del pareggio di Milano è lo stesso di quelli con Chievo e Fiorentina: la mancanza di determinazione, di concretezza, di cattiveria agonistica, di fame, chiamatela come volete anche cazzimma se vi fa piacere, quando è il momento di mettere il sigillo sulla partita.

Al netto dei fatturati, delle rose e del VAR, che sia ben chiaro in questi ultimi due mesi ha alterato la classifica permettendo alla Juventus di beneficiare di quattro punti in più, la vera differenza tra il Napoli e i ‘cannibali’ bianconeri sta tutta qui.

Ora al Napoli non resta che un obiettivo: vincerle tutte e arrivare a 100 punti in classifica.

Difficile per chiunque accusare il Napoli di fallimento con un punteggio in classifica simile, anche con un secondo posto.

Un Napoli a 100 punti, anche se la Juventus dovesse raggiungere quota 101, renderebbe questo campionato indimenticabile e un punto di partenza per capire in cosa bisogna ancora migliorare.

Magari partendo proprio dal prossimo calciomercato.

Buon Forza Napoli a tutti !