Spadafora: “Il protocollo va avanti ma le ASL possono intervenire per casi particolari”

0
79




Il Ministro allo Sport Spadafora ha rilasciato alcune dichiarazioni al termine dell’incontro con il presidente della FIGC Gravina. 

“Per me è stato un incontro molto utile, svolto in un clima di grande collaborazione.

Abbiamo analizzato la situazione in generale. Sono convinto che ad oggi il protocollo in vigore sia giusto da mantenere ed adottare e va rispettato da tutti col massimo rigore.

Ovvio che siamo in una situazione particolare quest’anno, e varrà per tutti: come per la scuola e le industrie, anche per il calcio serve la capacità di adattare le scelte in base a ciò che accadrà.

La stessa prudenza avuta per permettere allo scorso campionato di ripartire e chiudersi, è quella che servirà anche da qui in avanti. Se la situazione poi dovesse cambiare, siamo pronti a fare la nostra parte come Governo.

Juventus-Napoli? Il protocollo è chiaro, e va applicato da tutti rigorosamente. Anche nel verbale del Cts è ben chiarito che l’autorità sanitaria locale possa intervenire su casi particolari se ci fossero esigenze particolari e gravi a livello territoriale.

Quando lo fa, l’importante è che ci sia una motivazione legata a delle esigenze che possono variare”.