Spalletti in conferenza: “Primo tempo sotto ritmo, 50 punti tantissimi e meritati”

0
57




L’allenatore del Napoli Luciano Spalletti in conferenza stampa ha commentato la gara di campionato giocata contro la Salernitana all’Arechi.

“Primo tempo sotto ritmo, poi i ragazzi sono stati bravi ad avere questa impennata nel finale. Anche con la linea difensiva bassa, c’è sempre spazio per attaccare la profondità e questo l’abbiamo fatto meno bene delle altre volte. La partita è una scatola che va riempita di cose, stasera forse qualcosa è mancato.

I 50 punti? Sono tantissimi. E’ giunto il momento di fare i complimenti ai calciatori perché questa classifica è sintomo di tante cose. Dormiamo sereni con questa vittoria.

Confronto con il Napoli di Sarri? Noi i nostri 50 punti li abbiamo fatti meritatamente, al di là dei 47 punti fatti da Sarri, che poi tre punti sono magari frutto di un episodio. A quelle quote lì cambia poco, bisogna rimanere umili. 

Di Lorenzo sarebbe stato capitano con chiunque, avrebbe fatto questo campionato con chiunque. È una persona incredibile, un calciatore incredibile, se non ci hai a che fare non puoi capire quale qualità abbia. Il capitano che indica dove si va, e come ci si va.

Loro erano schiacciati e noi attaccavamo poco le spalle della linea difensiva e quindi c’era poco spazio. Giocare in 15-16 persone in questo poco spazio è complicato. C’è voluta quella giocata di Anguissa che ha rotto gli indugi con Di Lorenzo bravissimo a fare gol.

Ora sarà sempre più difficile perché crei stimoli alle avversarie. Ci sono squadre forti dietro, che possono inanellare filotti di risultati.

Se bisogna fare i complimenti a qualcuno singolarmente stasera bisogna farli a Meret. È stato un’ora e mezzo sotto l’acqua fermo, non stava nemmeno bene perché aveva la febbre stanotte, ed è stato bravissimo a rispondere a quel tiro di Piatek. Elmas ha grande qualità, forse a volte nel suo darsi da fare perde qualche palla di troppo ma è un ragazzo fortissimo.

Juve penalizzata? Ci sono tante squadre che possono ambire allo scudetto, per noi non cambia niente”