Un autogol mediatico internazionale che si poteva e si doveva evitare

0
1081




La partecipazione del Presidente De Laurentiis alla rubrica “vero o falso” di Radio Kiss Kiss, ha scatenato un vero ‘putiferio’ mediatico.

Vogliamo credere alla buona fede sia dell’intervistatore che dell’intervistato. Siamo convinti che volessero solo scherzare sulle tante voci di mercato o, almeno, su quelle più insistenti che riguardano Cavani, Benzema e Di Maria.

Ma nel momento in cui si citano anche in modo errato (leggi Teleclub Italia e l’elicottero) le testate e i colleghi impegnati nello svolgere con il massimo impegno e la massima serietà il proprio lavoro, lo scherzo inevitabilmente si trasforma in un clamoroso autogol sia per il club che per la stessa radio.

Non è solo una questione di sentita e SCONTATISSIMA SOLIDARIETA’ per testate e colleghi coinvolti.

La questione riguarda la mancanza di tatto e buon senso. Doti necessarie per chi vuole attuare un giusto e necessario processo di internazionalizzazione con l’obiettivo di entrare a far parte dell’élite del calcio mondiale o della tanto auspicata Superlega.

Comprendiamo che per qualunque club è impossibile fare circa tre comunicati al giorno per smentire le voci sui 143 nomi accostati al Napoli negli ultimi 62 giorni.

Ma per chi vuole costruirsi un’immagine internazionale non bastano le amichevoli di prestigio o giocare in Champions League contro il Real Madrid piuttosto che contro il Manchester City o il Bayern Monaco.

Saper COMUNICARE è fondamentale specialmente nell’epoca dei social che fanno arrivare in pochi secondi ai trentunenni destinatari, il proprio pensiero sulla ‘vecchiaia’ calcistica. Altro involontario autogol quando tra i propri dipendenti con calzoncini e scarpette ci sono diversi trentunenni e anche qualche trentatreenne.

Il rispetto per chi lavora. La diplomazia e la parola giusta detta al momento giusto. Sono armi necessarie non solo per far crescere la propria immagine e il proprio brand. Sono anche il necessario passe-partout  per non trasformare semplici avversari in motivati nemici e per avviare e mantenere preziose collaborazioni.

Anche perchè chi è senza peccato scagli la prima bufala….

Buon Forza Napoli a tutti!