17 maggio 1989: il Napoli vince la Coppa UEFA, storia di una cavalcata trionfale

0
149




Il 17 maggio del 1989 il Napoli vince la sua prima e unica coppa europea: la Coppa UEFA oggi Europa League.

Torneo che prevedeva un format senza gironi ma solo turni di andata e ritorno a eliminazione diretta.

La cavalcata del Napoli inizia al San Paolo (oggi stadio Diego Armando Maradona) con la vittoria sui greci del Paok Salonicco per 1-0 con gol di Maradona. Al ritorno l’1-1 (per il Napoli gol di Careca) basta per passare i trentaduesimi di finale. 

Nei sedicesimi di finale il Napoli affronta i tedeschi dell’est del Lokomotiv Lipsia (che nulla hanno a che fare con il Lipsia di oggi): 1-1 in Germania (gol di Francini) e 2-0 a Napoli (ancora gol di Francini e autorete di Scholz).

Negli ottavi di finale sale il livello delle avversarie, ma il Napoli elimina anche i francesi del Bordeaux vincendo 1-0 in Francia (gol di Carnevale) e pareggiando 0-0 al Maradona. 

Nei quarti di finale gli azzurri scrivono una delle pagine più emozionanti della storia del Napoli. La squadra allenata da mister Bianchi elimina i rivali di sempre della Juventus ribaltando al Maradona lo 0-2 dell’andata a Torino con le reti di Maradona su rigore, Carnevale e Renica che al 119′ del secondo tempo supplementare segna il 3-0 lanciando il Napoli in semifinale. 

Semifinale con i tedeschi del Bayern Monaco piegati 2-0 in casa (Careca e Carnevale) e costretti al 2-2 in Baviera (doppietta di Careca).

La doppia finale è da brividi. Andata al Maradona con i tedeschi dello Stoccarda che vanno in vantaggio con Gaudino, ma prima Maradona su rigore e poi Careca all’87’ ribaltano il risultato per il 2-1 finale. A Stoccarda il Napoli dimostra tutta la sua forza e determinazione pareggiando 3-3: Alemao (N), Klinsmann (S), Ferrara (N), Careca (N), aut. De Napoli (S) e Schmaler (S), questa la successione delle reti prima della grande festa azzurra.