Calciomercato Napoli. Bašić perché sì, Bašić perché no

0
221




Come sempre durante le sessioni di calciomercato al Napoli vengono accostati oltre 160 nomi. La nostra redazione propone una scheda di presentazione del calciatore accostato agli azzurri senza entrare nel merito se è trattato davvero o meno dal Napoli.

Informazioni di base. Toma Bašić è nato a Zagabria in Croazia il 25 novembre 1996, è alto 190 cm per circa 74 Kg di peso. Assistito dall’agenzia Soccer 11 (la stessa del difensore del Napoli Rrahmani) Bašić è attualmente un calciatore dei francesi del Bordeaux, che per il suo cartellino hanno pagato circa 4 milioni di euro ai croati dell’Hajduk Spalato. Il contratto con il Bordeaux scade nel giugno del 2022.

Carriera. Cresciuto nelle giovanili dei croati del Dubrava prima e del NK Zagabria poi, fa il suo esordio nel calcio professionistico nel 2014 con il Rudes nella Serie B della Croazia (25 presenze e 2 gol). Nel 2015 passa poi all’Hajduk Spalato dove in totale colleziona 60 presenze con 9 gol e 12 assist. Nel 2018 passa ai francesi del Bordeaux dove attira l’attenzione degli osservatori internazionali con 7 gol e 4 assist in 72 partite. Con la nazionale croata ha collezionato però appena 2 presenze per un totale di 35 minuti e non è stato convocato per gli Europei. Non ha vinto ancora nessun trofeo.

Caratteristiche tecniche – Visto in TV. Sinistro naturale ma efficace anche nelle giocate con il destro, Bašić è un centrocampista centrale di grande personalità con una tecnica individuale di buona qualità che lo aiuta a giocare anche alle spalle della punta. Visione di gioco, tanta fisicità e travolgente in progressione palla al piede Bašić ha un lancio lungo preciso e ha sempre la giocata giusta per lanciare negli spazi i propri attaccanti. Potrebbe essere il centrocampista ideale per sfruttare al meglio le qualità di Osimhen. All’occorrenza può adattarsi al ruolo di mezzala e giocare nel centrocampo a due.

Bašić perché sì.

  • La giovane età, sta per entrare nel periodo di maturità calcistica;
  • gli ampi margini di miglioramento;
  • ha la stessa valenza fisica di Bakayoko ma ha una maggiore velocità e una migliore visione di gioco;
  • la capacità di verticalizzare velocemente il gioco;
  • è fisicamente integro;
  • può liberarsi a parametro zero dal prossimo 1 febbraio il che potrebbe spingere il Bordeaux a non avere grosse pretese sul costo del cartellino (con meno di 10 milioni di euro si potrebbe anche chiudere la trattativa);
  • l’ingaggio che rientra nei parametri del Napoli (circa 2 milioni di euro lordi l’anno).

Bašić perché no.

  • La poca esperienza in campo internazionale;
  • il CT della Croazia Dàlic non lo ha ritenuto ancora pronto per giocare nel centrocampo della nazionale preferendogli il 32enne Badelj;
  • come accade spesso ai calciatori dell’est gli manca ancora la migliore continuità di rendimento;
  • a volte si innamora troppo della palla e va disciplinato dal punto di vista tattico soprattutto in fase difensiva (anche se questi due piccoli difetti possono migliorare giocando in un club italiano).