Le pagelle di Inter-Napoli 3-2: prima sconfitta macchiata da cambi tardivi, ora ripartire subito dal finale di gara

0
197




Nella 13esimagiornata di Serie A il Napoli ha affrontato al Meazza di Milano l’Inter. Le pagelle di Football Napoli News.

SPALLETTI: 4 – Approccio incoraggiante alla gara poi la squadra è crollata dal punto di vista mentale dopo il gol del pareggio, difetto storico del Napoli che sembra neanche Spalletti al momento è riuscito a risolvere. Di questa gara bisogna salvare la fase finale quando la squadra si è ricompattata con l’ingresso di Mertens e ci ha creduto fino alla fine. Ma proprio il cambio di Mertens porta al voto negativo del mister che si è ostinato a tenere in campo, oltre uno spento Fabiàn, un non pervenuto Insigne fino al 75′ a passeggiare e nascondersi sulla fascia sinistra. Il calcio è uno sport che si gioca in 11 e quando si regalano due calciatori all’Inter a Milano diventa poi difficile portare a casa il risultato.

OSPINA: 5 – Qualche buon intervento e qualche buona uscita, resta il dubbio se poteva fare qualcosa di meglio sul gol del 2-1 dell’Inter.

DI LORENZO: 6 – Nel primo tempo spinge poco tenendo la posizione per non lasciare spazi a Perisic, poi cresce alla distanza e diventa un attaccante aggiunto risultando una spina nel fianco dell’Inter.

RRAHMANI: 6,5 – Non sbaglia nulla e si rende protagonista di alcuni interventi determinanti.

KOULIBALY6,5 – Peccato per il fallo di mano che ha portato al rigore del pareggio che macchia una gara non impeccabile ma anche senza particolari errori.  

MARIO RUI: 7 – Il più lucido e il più tonico del Napoli, sfortunato due volte: quando chiude su Lautaro e gli passa la palla tra le gambe che finisce poi in porta, sulla conclusione di testa che solo il miracolo di Handanovic ha impedito che si trasformasse in gol del pareggio.

ANGUISSA: 5 – Per quasi tutta la gara fa poco filtro e si vede poco anche nell’impostazione della manovrra. Cresce nel finale ma troppo tarrdi per far fruttare la sua qualità e la sua fisicità.

FABIAN 4 – Non pervenuto.

LOZANO: 5,5 – A corrente alternata ma quando va si rende pericoloso, aiuta poco in fase di non possesso.

ZIELINSKI: 5 – Il gol salva una prestazione non esaltante, anche se almeno rispetto a qualche gara del passato si è visto più spesso nel vivo dell’azione.

INSIGNE: 4 – Non basta un assist per salvare una prestazione più che deludente quasi da uomo in meno del Napoli e se il capitano, il calciatore con maggiore qualità della squadra stecca certe partite allora forse qualche pretesa contrattuale va rivista.

OSIMHEN: 5 – Tanata nevrotica confusione e nulla più.

PETAGNA (dal 53′ al posto di Osimhen): 5 – Si impegna aiuta la squadra ma non riesce a trovare mai lo spazio per tirare in porta.

ELMAS (dal 75′ al posto di Lozano): 5 – Stenta a entrare in partita ma non è colpa sua se è entrato con colpevole ritardo considerando le prestazioni di Fabiàn, Zielinski e Insigne.

MERTENS (dal 75’ al posto di Insigne): – Porta vivacità e lucidità alla manovra, segna un gran gol ma fallisce quello del pareggio…fosse entrato prima…

ARBITRO VALERI (di Roma): 6,5 – Direzione di gara positivo anche se è sembrata eccessiva l’ammonizione di Osimhen e manca qualche altro giallo agli interisti, un solo grave errore: in occasione dello scontro Osimhen-Skriniar ha fatto rientrare in campo subito l’interista che avrebbe dovuto aspettare la ripresa del gioco e fatto entrare dopo Petagna che stava sostituendo Osimhen errore ininfluente ma non è da arbitro internazionale.