Napoli: programmare il futuro partendo dai cinque punti bruciati con Roma ed Empoli e che (forse) sono costati uno scudetto

0
320




Maggio 2022 poteva passare alla storia del Napoli e di Napoli come il maggio del 1987.

Sia ben chiaro il Napoli e Spalletti hanno centrato l’obiettivo stagionale conquistando la qualificazione in Champions addirittura con tre turni di anticipo.

Complimenti sinceri.

Peccato però che un traguardo così prestigioso per l’attuale dimensione del Napoli, sia stato offuscato dal rammarico di una lotta-scudetto svanita troppo presto.

Decisivi quei cinque punti bruciati nei minuti finali di due gare già vinte ma poi pareggiate e perse con Roma ed Empoli (da 1-0 a 1-1 al 91′ e da 2-0 all’80’ a 2-3 con l’Empoli al fischio finale).

Due vittorie che, in ottica scudetto, avrebbero azzerato tutto quanto fatto dal Napoli nel bene e nel male fino al fischio finale della sconfitta interna con la Fiorentina.

Con quei cinque in più il Napoli oggi sarebbe secondo a pari punti con l’Inter. Sarebbe a -2 dalla capolista Milan. Il tutto con un calendario decisamente dalla parte degli azzurri.

Poi magari il Napoli lo scudetto non lo avrebbe vinto lo stesso ma società, squadra e allenatore hanno il dovere di chiedersi se ci hanno creduto davvero e se hanno fatto tutto quanto fosse nelle loro competenze e nei loro doveri per arrivare fino in fondo

Ma tra rinnovi e calciomercato è già il momento di programmare il futuro. Magari partendo proprio dall’analisi di cosa sia mancato davvero a questa squadra nelle gare decisive con Roma ed Empoli (e non solo).

Infortuni, Coppa d’Africa e Covid sono alibi che non reggono considerando il cammino del Milan che, sotto questo punto di vista, forse ha avuto anche più problemi del Napoli.

Ma nel programmare il futuro è necessario anche provare a ricostruire un nuovo reciproco feeling e rispetto con gran parte della piazza crollato dopo le ultime esternazioni di presidente e allenatore.

Non a caso Rafa Benitez suggeriva di lottare “Spalla a spalla” e “Sin prisa pero sin pausa”.

Buon Forza Napoli a tutti!