Due positivi nell’Italia Under 21: il comunicato della FIGC che ‘denuncia’ l’operato di Preziosi e scagiona il Napoli

0
558




Due calciatori dell’Under21 italiana sono risultati positivi al coronavirus. Ad annunciarlo la FIGC con un comunicato pubblicato sul sito ufficiale [LEGGI QUI].

Il comunicato della FIGC, è bene sottolineare della FIGC del presidente Gravina, forse chiarisce un pochino le idee a opinionisti e media faziosi e sottomessi sulle polemiche strumentali in relazione alle vicende legate al triangolo del covid in Serie A Genoa-Napoli-Juventus.

Ma andiamo per ordine e vediamo i punti in questione del comunicato.

  1. “Nel rispetto delle attuali disposizioni, l’allenamento previsto oggi è stato annullato”. L’allenamento giustamente annullato di un gruppo in ritiro (l’Under 21) giustifica e legittima la richiesta dell’ASL di Napoli di evitare a scopo preventivo la partenza del Napoli per Torino. Evento questo che avrebbe coinvolto un elevato numero di persone esterne al gruppo squadra esponendole a un potenziale contagio.
  2. “La squadra si trova da ieri sera in isolamento fiduciario in attesa delle indicazioni della ASL competente”. Quindi l’ASL competente ha potere decisionale come previsto dal Comunicato Ufficiale della Lega di Serie A n° 51 del 2 ottobre 2020. Di conseguenza questo comunicato giustifica e legittima l’intervento dell’ASL di Napoli.
  3. “ASL competente, tempestivamente avvertita”. Quindi al contrario di quanto fatto da Preziosi e dal Genoa l’ASL andava avvertita. Quindi dovrebbe essere oggetto di indagini approfondite, sia dal punto di vista sportivo che penale, questa dichiarazione del presidente del Genoa Preziosi:
    “Quando sono stati contagiati Perin e Schone il protocollo prevedeva che, se avessimo avuto più di 10 positivi, avremmo potuto chiedere sospensione, quindi non abbiamo interpellato la Asl”.
    Forse a Preziosi sfugge che l’ASL non andava contattata solo per l’aspetto puramente sportivo ma anche per la tutela della salute pubblica. Non a caso Elmas e Zielinski sono stati contagiati dopo la gara giocata al San Paolo Napoli-Genoa.