REGOLA 12 – Falli e scorrettezze

0
440
Orsato




Estratto essenziale dal “Regolamento del Giuoco del Calcio″. Regolamento approvato dalla ‘The International Football Association Board”, dalla “Federazione Italiana Giuoco Calcio” e dall’Associazione Italiana Arbitri’. 

Prima di affrontare quali sono i falli e le scorrettezze è bene chiarire il significato di cinque concetti determinanti per il provvedimento disciplinare che deve adottare l’arbitro dopo aver fischiato una punizione.

NEGLIGENZA: significa che il calciatore mostra una mancanza di attenzione o considerazione nell’effettuare un contrasto o che agisce senza precauzione. Nessun provvedimento disciplinare.

IMPRUDENZA: significa che il calciatore agisce con noncuranza del pericolo o delle conseguenze per l’avversario.
Ammonizione.

VIGORIA SPROPORZIONATA: si intende che il calciatore eccede nell’uso della forza necessaria e mette in pericolo l’incolumità di un avversario. Espulsione. 

GRAVE FALLO DI GIOCO: un tackle o un contrasto con contesa del pallone che mette in pericolo l’incolumità di un avversario o commesso con vigoria sproporzionata o brutalità. Se in un contrasto per il possesso del pallone, un calciatore colpisce un avversario da davanti, di lato o da dietro, utilizzando una o entrambe le gambe, con vigoria sproporzionata o che metta in pericolo l’incolumità di un avversario.
Espulsione. 

CONDOTTA VIOLENTA: quando usa o tenta di usare vigoria sproporzionata o brutalità contro un avversario in mancanza di contesa per il pallone, o contro un compagno di squadra, un dirigente, un ufficiale di gara, uno spettatore o qualsiasi altra persona, a prescindere dal fatto che si concretizzi o no un contatto. Se in mancanza di contesa per il pallone, un calciatore colpisce intenzionalmente con le mani o le braccia un avversario o qualsiasi altra persona sulla testa o suo sul volto a meno che la forza usata sia irrilevante.
Espulsione.

Una squadra che subisce un fallo (che è da «giallo» o «rosso» per il rivale) può battere subito la punizione per avere il vantaggio sorpresa. L’arbitro mostrerà il cartellino solo a fine azione. Dalla stagione 2019-20 anche per gli allenatori è prevista oltre l’espulsione diretta anche l’ammonizione e l’eventuale espulsione per doppio giallo.

LE VALUTAZIONI DI QUESTI ASPETTI SONO A TOTALE DISCREZIONALITÀ DELL’ARBITRO. 

Calcio di punizione diretto (Rigore se in area)

Si può calciare anche direttamente in porta e viene fischiato quando un calciatore commette una delle seguenti infrazioni nei confronti di un avversario:
– caricare di spalla (non è considerato fallo il contatto spalla contro spalla);
– spingere;
– saltare addosso;
– effettuare un tackle o un contrasto;
– dare o tentare di dare un calcio;
– colpire o tentare di colpire (compreso con la testa);
– sgambettare o tentare di sgambettare;
– trattiene un avversario;
– ostacola un avversario venendo a contatto con lui;
– morde o sputa a qualcuno;
– lancia un oggetto contro il pallone, un avversario o un ufficiale di gara o tocca il pallone con un oggetto tenuto in mano;
– tocca il pallone con le mani (ad eccezione del portiere nella propria area di rigore).

IL FALLO DI MANO.

Al fine di determinare un fallo di mano, il limite superiore del braccio coincide con la parte inferiore dell’ascella.

Non ogni contatto del pallone con una mano o un braccio
di un calciatore costituisce un’infrazione.

E’ un’infrazione se un calciatore:

  • tocca il pallone con le proprie mani / braccia quando queste sono posizionate in modo innaturale (quando la posizione delle sue mani / braccia non è conseguenza del movimento del corpo per quella specifica situazione o non è giustificabile da tale movimento) aumentando lo spazio occupato dal corpo;
  • segna direttamente una rete nella porta avversaria anche se il tocco con le mani7braccia è accidentale;
  • segna immediatamente dopo che il pallone ha toccato le sue mani / braccia, anche se in modo accidentale (non è infrazione se il pallone passato o condotto percorre una certa distanza e/o ci sono più passaggi prima che la rete venga segnata o se trascorre un certo intervallo di tempo tra il contatto accidentale e la segnatura).

Calcio di punizione indiretto.

L’arbitro tiene un braccio alzato per indicare che il calcio di punizione è indiretto e lo tiene alzato fino a quando la ripresa è da ritenersi valida, ossia la palla esce fuori direttamente fuori dal campo oppure c’è un secondo tocco del pallone di un calciatore avversario o di un compagno di squadra che ha battuto il calcio di punizione. 

Si fischia quando un calciatore

– gioca in modo pericoloso SENZA CONTATTO CON L’AVVERSARIO (con il contatto il calcio di punizione sarà diretto);
– ostacola la progressione di un avversario senza che ci sia contatto fisico
(significa mettersi sulla traiettoria dell’avversario per ostruirlo, bloccarlo, farlo rallentare o costringerlo ad un cambio di direzione quando il pallone non è a distanza di gioco cioè nella condizione di essere giocato da entrambi i calciatori);
– protesta, usa un linguaggio e/o dei gesti offensivi, ingiuriosi o minacciosi o compie altre infrazioni verbali;
– impedisce al portiere di liberarsi del pallone che ha tra le mani oppure calcia o tenta di calciare il pallone quando il portiere è in procinto di liberarsene (Il pallone è considerato in possesso del portiere e un avversario non può sottrarglielo quando è tra le sue mani o tra la mano e una superficie qualsiasi come ad esempio il terreno, quando lo tiene sulla mano aperta, quando lo fa rimbalzare sul terreno o lo lancia in aria al momento del rinvio).
– commette qualunque altra infrazione, non menzionata nelle Regole, per la quale il gioco è interrotto per ammonire o espellere un calciatore;

– se un portiere, all’interno della propria area di rigore
a) controlla il pallone con le mani per più di sei secondi prima di spossessarsene;
b) tocca il pallone con le mani dopo
– essersene liberato e prima che lo stesso sia stato toccato da un altro calciatore;
– che è stato intenzionalmente calciato verso di lui da un compagno di squadra;
– averlo ricevuto direttamente da un compagno di squadra su rimessa dalla linea laterale.

L’APPLICAZIONE DEL VANTAGGIO.

L’arbitro può applicare il vantaggio (a sua discrezione) se l’interruzione del gioco per un infrazione (anche se prevede ammonizioni o espulsioni) avvantaggerebbe la squadra che la commette o negherebbe alla squadra che la subisce una evidente opportunità di segnare un gol. L’ammonizione o l’espulsione vengono poi comminate alla prima interruzione del gioco.

NELLA TABELLA SEGUENTE SONO INDICATI QUANDO SONO PREVISTE AMMONIZIONI ED ESPULSIONI PER FALLI E SCORRETTEZZE.